Frequently Asked Questions

Tutte le FAQ a cui abbiamo dato risposta :)!  Sono divise per categorie (problemi invio, iscrizione…) e risolveranno la maggior parte dei dubbi dei nostri partecipanti e lettori!

In caso contrario contattateci sui nostri Social Networks o date una sguardo alla sezione Contatti 🙂

Puoi partecipare a tutti i concorsi che desideri. Anche con più fumetti per la stessa Edizione dello stesso concorso. L’unica limitazione è data dal fatto che NON PUOI partecipare a due concorsi con lo stesso fumetto. Ogni fumetto deve essere unico, originale e inedito (ovvero non deve essere pubblicato precedentemente su altri siti, Social Networks o Forum).

In caso di vittoria o di 2 o più Menzioni Speciali ricevute, ti sarà preclusa la partecipazione ai Concorsi Standard e ti si apriranno le porte ai Concorsi PRO!

Partecipare ad un concorso di Concorsi Fumetti è semplicissimo.

Ti basterà andare nella sezione dedicata alla partecipazione: Partecipa.

Fatto ciò, potrai scegliere il concorso che preferisci facendo click sul pulsante relativo al Concorso scelto. Entrerai così nella pagina del Regolamento dello specifico concorso.

Leggi il Regolamento, Segui le indicazioni, Metti un like ai nostri profili/pagine Social, Invia il tuo fumetto e il gioco è fatto!

Banalmente, viene scartato. In caso di recidive si potrà anche provvedere all’esclusione definitiva del partecipante dai Concorsi. Il nostro lavoro si basa sull’onestà e sulla passione per questo settore e ci aspettiamo lo stesso dai nostri partecipanti.

Le opere devono essere Originali e Inedite (ovvero non pubblicate precedentemente su altri siti web, Social Networks, forum ecc.) e assolutamente NON frutto del Plagio ai danni di altri autori.

In compenso con più fumetti Originali e Inediti puoi partecipare allo stesso numero di concorsi contemporaneamente. Se intendi partecipare allo stesso concorso con più opere, è ugualmente consentito.

Categories: regolamento, problemi

Il Regolamento dei Concorsi lo puoi raggiungere selezionando il concorso desiderato nell’Area “Partecipa“.

In alternativa ecco a voi i link ai regolamenti di ognuno dei concorsi indetti dal nostro sito web:

Sì. È possibile. Noi di Concorsi Fumetti teniamo in alta considerazione la privacy dei nostri partecipanti. Per questo motivo, nel momento in cui compilerete il form d’iscrizione e Invio del vostro lavoro, potrete compilare un campo opzionale: “Pseudonimo con cui vuoi essere pubblicato“.

Se questo campo viene riempito, verrete pubblicati sotto quel nickname e in alcun modo la vostra vera identità verrà svelata sul nostro sito web o Social Networks. Nome e Cognome reali verranno utilizzati solo dal nostro team per accertare la veridicità del partecipante. Considerate anche che, in caso di vittoria, se avete inserito un Nome e Cognome falsi, non sarà possibile inviarvi il premio fisico.

Il 2023 vede lo sviluppo incontrastato delle IA e il mondo dell’arte accusa il colpo.

Iniziamo col dire che noi di Concorsi Fumetti siamo a favore delle IA. Lo sviluppo tecnologico c’è sempre stato. Banalmente, ogni invenzione porta con sé problemi e benefici. Fra qualche anno ne riparleremo, quasi tutti avranno interiorizzato la nuova tecnologia e via… il tempo continuerà a scorrere.

Non sopportiamo i bigottismi che rallentano l’avanzata della scienza quanto non sopportiamo chi non riesce a regolamentarne il processo.

Noi pensiamo che un’autore possa utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per produrre arte col fine di vendere un prodotto, ma questa non è una casa editrice. È una piattaforma di concorsi di fumetti e, in quanto tale, valorizza un certo tipo di abilità.

Esattamente come per una tesi di laurea, nessuno costringe lo studente a non usare un’IA per realizzarla. Tuttavia, ci chiediamo: cos’ha imparato realmente lo studente da questa esperienza? Probabilmente sarà lo stesso studente che poi varerà le leggi per regolamentare le nuove tecnologie. Il solito circolo vizioso dove i furbi fanno da padroni.

L’IA non riproduce esattamente la psiche dell’autore. Suggerisce un’opzione. Una variante ben realizzata che, però, poco ha a che fare con ciò che immaginava il fumettista. Su questo c’è poco da discutere. Si possono immettere tutte le variabili possibili, ma il prodotto rimarrà sempre una copia. Un’accontentarsi, insomma, che delega all’IA abilità artistiche, pensiero critico e immaginazione.

Dopodiché, noi compreremmo un prodotto del genere? Sì, probabile. Può servire come supporto all’artista? Certamente. Può essere utilizzato dagli artisti per realizzare prodotti con un ottimo rapporto qualità/tempo? Indiscutibilmente sì.

A dirla tutta, noi pensiamo che un bravo fumettista non si debba spaventare davanti ad un’intelligenza artificiale che, al momento, a malapena riesce a produrre qualcosa di graficamente bello. L’intervento umano sarà sempre necessario in qualche sua forma. Nel momento in cui si desidera realizzare un’opera personale e ben strutturata, l’IA non riesce a venirci incontro con la stessa rapidità ed efficacia. In altre parole, si fa decisamente prima a fare da sé, sempre se le abilità lo consentono.

Le IA, infatti, non sono così facili da usare e, ripetiamo, ad alti livelli sono anche controproducenti sia in termini di tempo che in termini di qualità a meno che non ci si accontenti di ciò che l’IA ci propina. Conosciamo tutti fumettisti che non sono in grado di disegnare, ma che hanno fatto di questo la loro forza, sviluppando uno stile che si combinava perfettamente alle loro abilità.

Quindi, per riassumere, se da un lato pensiamo che il fumettista esperto non debba aver paura di tali tecnologie, ma che le debba combattere con la propria insimulabile passione, dall’altro lato intendiamo valorizzare e tutelare coloro che stanno intraprendendo un percorso artistico volto a sviluppare le proprie abilità negli ambiti classici di sceneggiatura e disegno.

Senza dilungarci ulteriormente sugli aspetti legali e sull’etica che sta dietro l’argomento IA, limitiamoci a parlarne nell’ambito dei “concorsi”. Ancor più nello specifico, nei Concorsi di Fumetti.

Come si suol dire, qui casca l’asino.

Infatti, se ad alti livelli le IA non dovrebbero fare così paura, ma essere un ulteriore strumento di supporto, nell’ambito dei concorsi sono deleterie. 3 tavole fatte con un’IA da un neofita del web supereranno sempre il fumettista alle prime armi, il quale non ha ancora sviluppato le armi per difendersi. Noi questo non lo vogliamo.

Non lo vogliamo perché il concetto di accontentarsi non fa parte dell’arte a nessun livello. Ci si accontenta già dei propri limiti, nel tentativo di superarli. Dobbiamo davvero accontentarci anche di ciò che ci propongono le IA?

Ecco come abbiamo pensato di risolvere la questione:

Metodo di Valutazione con IA

Non possiamo e non vogliamo abolire le IA. Come abbiamo detto in precedenza, ognuno è libero di fare le sue scelte e di usare gli strumenti che preferisce. L’arte è anche libertà e innovazione. Pertanto, tutte le opere verranno accettate, ma con alcuni svantaggi.

Normalmente, la nostra tabella di valutazione è:

  • Voto da 1 a 10 per la Grafica/Disegno
  • Voto da 1 a 10 per la Sceneggiatura/Originalità/Idea

La media di questi due voti si traduce nel voto finale, al quale aggiungiamo lo 0,5 punti all’opera che è piaciuta di più alla community sui Social.

Per quanto riguarda le IA, lanciamo una sfida:

Usatele. Ma usatele al meglio delle loro potenzialità!

Sfruttatele mettetendoci lo stesso impegno che impiegano gli altri autori per disegnare le loro tavole. In altre parole, esattamente come i professori con una tesi di laurea, noi non dobbiamo accorgercene.

Nel momento in cui noi o la nostra community, ci accorgiamo (senza ombra di dubbio) che è stata utilizzata un’IA per la maggior parte del lavoro, il voto di grafica passa automaticamente a 3, ma il voto di sceneggiatura rimane comunque invariato.

Ciò vuol dire che se l’IA vi fa 6 dita, correggetele, se l’IA aggiunge gambe, deforma volti, cambia stile da vignetta a vignetta ecc. Correggete gli errori! Questo è il modo giusto per utilizzare un’IA e potrete testare con mano che non si tratta di un processo così semplice e veloce.

Per chi usa le IA non sono ammessi errori. Se le si utilizza con la scusa che, in questo modo, è possibile realizzare un prodotto di qualità superiore… allora che lo sia davvero! In quel caso non abbiamo nulla da contestare.

Se, invece, vi piace vincere facile, probabilmente Concorsi Fumetti non è la piattaforma che fa per voi.

Per il momento abbiamo intenzione di procedere così. Se, in futuro, l’IA diventasse abbastanza potente da rappresentare al meglio l’immaginazione dell’autore o diverrà così semplice da usare da essere alla portata di tutti, ci aggiorneremo di conseguenza. E probabilmente la utilizzeremo anche noi per fare le valutazioni.

Grazie per l’attenzione e per aver carpito l’ironia che permea in alcune frasi di questo articolo.

Buona creazione a tutti!

Sì. Puoi. Se hai le energie per produrre più fumetti puoi partecipare a più concorsi o allo stesso con più opere.

L’unica limitazione sta nel fatto che lo stesso fumetto non può essere usato per due concorsi differenti. Inoltre, deve essere originale, inedito (ovvero non pubblicato in precedenza su altre piattaforme anche personali come siti web, Social, Forum..) e non deve essere in alcun modo frutto del plagio a danno di altri autori e colleghi.

Risposta secca: .

Noi di Concorsi Fumetti, nel momento in cui invii il tuo fumetto, chiediamo un solo nome, un solo cognome, una sola mail. Quello sarà il recapito con cui noi andremo a verificare l’attendibilità del partecipante e a cui invieremo il premio in caso di vittoria.

Tuttavia:

Il campo facoltativo “Pseudonimo” serve anche a risolvere questo problema. Potete mettere due nomi, il vostro nome d’arte, far capire ai lettori che siete in due e chi siete. Inoltre, nel momento in cui caricheremo il vostro fumetto anche sui Social Networks, potete lasciare un commento facendoci presente quali sono i profili Social dei due autori e vi taggheremo su entrambi sul post!

Tutto facile! L’unico inghippo in cui andrete incontro è che dovrete dividervi il premio 🙂

Certamente. Per ogni opera originale, inedita e non frutto di plagio puoi decidere se partecipare più volte allo stesso concorso o a più concorsi diversi.

Tuttavia, una volta vinto un Concorso o aver ricevuto 2 o più Menzioni Speciali, ti sarà preclusa la partecipazione ai Concorsi Standard. Per te, si apriranno le porte dei Concorsi PRO! Ti confronterai con i migliori e ci potrai aiutare a giudicare i fumetti dei partecipanti ai Concorsi Standard!

ITALIANO (perché siamo Italiani) e INGLESE (perché tanto ormai lo conosciamo tutti… vero? ahah)

Se inviate delle tavole sceneggiate in altre lingue non ce la sentiamo di escludervi categoricamente dal concorso ma non vi assicuriamo che nel team ci sia qualcuno in grado di capirle e poterle giudicare!

Categories: dubbi, problemi, regolamento

Se hai seguito il regolamento del tuo Concorso non devi preoccuparti d’altro! Il nostro giudizio sarà sempre onesto e professionale e si baserà unicamente sull’impegno dimostrato dal candidato e sulla qualità del suo fumetto. Non teniamo conto dello stile o del genere del fumetto.

Che sia comico, horror o western non importa (a meno che non sia un concorso a tema “comico“, “horror“, ecc…). Stessa cosa vale per lo stile: manga, occidentale, italiano o stilizzato. Non importa. Passione. Questa è l’unica cosa che conta davvero per noi.

Vi ricordiamo che, per incrementare le tue chance di vincere, è consigliabile copiare l’URL di residenza del tuo fumetto e condividerlo sui propri Social Networks. Terremo conto anche dei voti positivi e delle opinioni dei lettori! Tuttavia non sarà l’unico canone di giudizio poiché desideriamo che, anche coloro che hanno pochi followers, abbiamo le stesse probabilità di vittoria. Il nostro giudizio su like e commenti infatti sarà maggiormente di natura qualitativa piuttosto che quantitativa!

Categories: regolamento, vittoria